Scoprire Sabaudia

Il Parco Nazionale del Circeo

Il Parco nazionale del Circeo, istituito nel 1934 è una delle più antiche aree naturali protette d'Italia. Ubicato lungo la costa tirrenica del Lazio storico, si estende lungo il tratto di litorale compreso tra Anzio e Terracina, coprendo una superficie di 5.616 ettari e prendendo il nome dall'omonimo promontorio.

Santuario di Santa Maria della Sorresca

Risalente al XII secolo, anche se originariamente fondata dai benedettini nel VI secolo, si trova nel comune di Sabaudia e fa parte della Parrocchia di San Felice Martire, che lo gestisce fin da prima della nascita di Sabaudia. Nel Santuario viene conservata l'antica statua lignea della Sorresca, festeggiata il lunedì dopo la Pentecoste con una processione che da San Felice Circeo giunge fino alla piccola chiesina.

L'architettura razionalista di Sabaudia

Sabaudia è una città giovane, nata nel 1915, sotto il periodo fascista. In quanto città di nuova costruzione, percorrendo le strade di Sabaudia si percepisce subito come la località sia sorta tutta insieme, partendo da un fulcro centrale, la Torre, da cui si dipartono strade, slarghi e piazze. Lo stile architettonico è il razionalismo, infatti si possono visitare i palazzi comunali: il palazzo del Comune, con la torre civica e la prospiciente piazza, la chiesa della Santissima Annunziata, con il suo battistero, il palazzo delle Poste, l'ospedale e la sede dell'allora Opera Nazionale Maternità e Infanzia.

La Villa di Domiziano

La Villa di Domiziano era una villa appartenuta a Domiziano situata nella zona del Circeo. L'ampia struttura è riconducibile a Domiziano per via di alcuni versi di Marziale e di timbri di epoca domizianea riscontrati nei laterizi. È tuttavia probabile che la villa fosse stata solamente ristrutturata in tale periodo, in quanto esistono indizi dell'epoca di Augusto.
La villa, attualmente all'interno del parco nazionale del Circeo, si compone di numerosi ambienti alcuni dei quali erano destinati al relax nella zona giardino. Interessanti sono anche alcuni impianti idraulici.
Fra le numerose statue che vi sono state rinvenute vanno citate un Apollo Kassel (ora in un museo di Kassel) e un satiro (ora ai Musei Vaticani).

La fonte di Lucullo

La Fonte di Lucullo (o Bagnara) è una grotta artificiale ricavata da un'antica cisterna romana, situata all'interno del Parco Nazionale del Circeo, costruzione di epoca imperiale romana (Imperatore Domiziano 81-96 d.Cr), ma probabilmente edificata già precedentemento in epoca repubblicana, I secolo a.Cr, quindi più antica.
Poco distante sorgeva, infatti, una villa repubblicana (visibile fino a circa 70 anni fa) con un muro di contenimento in opera 'poligonale' di circa 200 m. La villa oggi è scomparsa e non ne rimane alcuna traccia. Non è escluso che questa villa si servì proprio della vicina cisterna che oggi appare come una fonte.
La leggenda narra che sulle sponde del lago di Paola si trovava la deliziosa villa che apperteneva a 'Lucullo', ricco cittadino romano, il quale dopo aver esercitato per molti anni la carriera militare combattendo valorosamente e con onore, a vantaggio della patria, dopo aver accumulato molte ricchezze si ritirò dalle pubbliche cariche per terminare gli ultimi suoi giorni fra le comodità di una vita agitissima all'ombra del Promontorio del Circeo.

Il Museo di Emilio Greco

Istituito nel 1985 a seguito della donazione del Maestro e ristrutturato su progetto del professor Giulio Savio nel 2001, occupa gran parte del piano terra del Palazzo Comunale. Espone oltre ottanta opere: disegni, acqueforti, litografie, bronzi, gessi, medaglie monete ed una serie di francobolli celebrativi di importanti eventi internazionali.
Le figure, umanissime  e contemporanee, rappresentate nelle opere che il Maestro volle donare alla città, simboleggiano emozioni e sentimenti eterni ed universali: visioni sognate e sognanti ispirate anche da questo territorio.